Letture e commento del giorno

Letture e commento del giorno
  1. Allora lo invocherai e il Signore ti risponderà; implorerai aiuto ed egli dirà: "Eccomi!". se offrirai il pane all'affamato, se sazierai chi è digiuno, allora brillerà fra le tenebre la tua luce, la tua tenebra sarà come il meriggio. Ti guiderà sempre il Signore, ti sazierà in terreni aridi, rinvigorirà le tue ossa; sarai come un giardino irrigato e come una sorgente le cui acque non inaridiscono. La tua gente riedificherà le antiche rovine, ricostruirai le fondamenta di epoche lontane. Ti chiameranno riparatore di brecce, restauratore di case in rovina per abitarvi. Se tratterrai il piede dal violare il sabato, dallo sbrigare affari nel giorno a me sacro, se chiamerai il sabato delizia e venerando il giorno sacro al Signore, se lo onorerai evitando di metterti in cammino, di sbrigare affari e di contrattare, allora troverai la delizia nel Signore. Io ti farò calcare le alture della terra, ti farò gustare l'eredità di Giacobbe tuo padre, poiché la bocca del Signore ha parlato.
  2. Signore, tendi l'orecchio, rispondimi, perché io sono povero e infelice. Custodiscimi perché sono fedele; tu, Dio mio, salva il tuo servo, che in te spera. Pietà di me, Signore, a te grido tutto il giorno. Rallegra la vita del tuo servo, perché a te, Signore, innalzo l'anima mia. Tu sei buono, Signore, e perdoni, sei pieno di misericordia con chi ti invoca. Porgi l'orecchio, Signore, alla mia preghiera e sii attento alla voce della mia supplica.
  3. In quel tempo, Gesù vide un pubblicano di nome Levi seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi!». Egli, lasciando tutto, si alzò e lo seguì. Poi Levi gli preparò un grande banchetto nella sua casa. C'era una folla di pubblicani e d'altra gente seduta con loro a tavola. I farisei e i loro scribi mormoravano e dicevano ai suoi discepoli: «Perché mangiate e bevete con i pubblicani e i peccatori?». Gesù rispose: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati; io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori a convertirsi».
  4. Dio mi ha mostrato un signore seduto in modo solenne nella pace e nel riposo; con dolcezza ha mandato il suo servo a compiere la sua volontà. Il servo si è affrettato a correre per amore; ma, ecco che è caduto in un dirupo e si è ferito gravemente. (…) Nel servo Dio mi ha mostrato il male e la cecità provocati dalla caduta di Adamo; e nello stesso servo la sapienza e la bontà del Figlio di Dio. Nel signore, Dio mi ha mostrato la sua compassione e la sua pietà per la sventura di Adamo, e nello stesso signore l’altissima nobiltà e gloria infinita alla quale l’umanità è elevata dalla Passione e morte del Figlio di Dio. Ecco perché nostro Signore è molto contento della sua stessa caduta [in questo mondo nella sua Passione], a causa dell’esaltazione e della pienezza di felicità a cui giunge il genere umano, che supera certamente quello che avremmo avuto se Adamo non fosse caduto. (…) Perciò non abbiamo alcuna ragione di affliggerci, poiché il nostro peccato ha causato le sofferenze di Cristo, né alcuna ragione di rallegrarci, poiché è il suo amore infinito che l’ha fatto soffrire. (…) Se succede che per cecità o debolezza cadiamo, rialziamoci subito, al dolce tocco della grazia. Correggiamoci con tutta la nostra buona volontà seguendo l’insegnamento della santa Chiesa, secondo la gravità del peccato. Andiamo a Dio nell’amore; non lasciamoci mai prendere dalla disperazione, ma non siamo neppure troppo temerari, come se cadere non avesse importanza. Riconosciamo francamente la nostra debolezza, sapendo che non riusciremmo a reggere neppure un attimo se non avessimo la grazia di Dio. (...) E’ giusto che nostro Signore desideri che ci accusiamo e riconosciamo lealmente e in verità la nostra caduta e tutto il male che ne consegue, coscienti che non potremmo mai ripararlo. Vuole allo stesso tempo che riconosciamo lealmente e in verità l’eterno amore che ha per noi e l’abbondanza della sua misericordia. Vedere e riconoscere l’uno e l’altro insieme con la sua grazia, è questa l’umile confessione che nostro Signore attende da noi e che è la sua opera nella nostra anima.

Indirizzo e contatti

Siamo a Sesto Fiorentino (Fi)

  • Via Antonio Gramsci 691-693
  • +39 055-442753
  • info[at]santacroceaquinto.it

Orari S. Messe

Orari Sante Messe

Giorni feriali: 8:30 ~ 17:30

Mercoledì: anche 9.30 al Cimitero maggiore di Sesto

Sabato e vigilia di festa: in parrocchia ore 18.00 - a Villa Donatello ore 15.30 Rosario, ore 16.00 S. Messa

Domeniche e festivi: 8:00 ~ 10:00 ~ 11:30 ~ 18:00

cookie informativi

I cookie sono piccoli file produtti dal server del sito visitato che vengono scaricati e memorizzati nel disco rigido del computer dell'utente tramite il browser quando lo si visita. I cookie possono essere utilizzati per raccogliere e memorizzare i dati utente durante la navigazione per offrire servizi come il login al sito, una condivisione su social network ecc.. Possono essere essere di natura duratura e rimanere nel pc dell'utente anche dopo la chiusura della sessione dell'utente o svanire dopo la chiusura di essa. I cookie possono del sito che si visita (locali) o di terze parti.

Ci sono diversi tipi di cookie:

Quindi, quando si accede al nostro sito web, nel rispetto della Direttiva UE 2009/136/CE e del provvedimento 229 dell'8 maggio 2014 del garante della privacy, l'utente ci autorizza all'utilizzo dei Cookie. Tutto questo è per migliorare i nostri servizi. Usiamo Google Analytics per raccogliere informazioni statistiche anonime come il numero di visitatori del nostro sito. I cookie aggiunto da Google Analytics sono disciplinate dalle norme sulla privacy di Google Analytics. Se volete potete disabilitare i cookie di Google Analytics.

Tuttavia, si ricorda che è possibile abilitare, disabilitare, limitare l'utilizzo e cancellare automaticamente i cookies seguendo le istruzioni del tuo browser.